La “post-filosofia” che odia la libertà: un nuovo episodio del “suicidio della modernità”

15 gennaio 2018 Raffaele-Iannuzzi 5

Negli ultimi anni, si sta diffondendo un pre-giudizio, una sorta di ossessione anti-responsabilità. Per meglio dire, il libero arbitrio, la free will, la libera volontà di autodeterminarsi e decidere in vista di uno scopo, sembra essere diventata una chimera, un’utopia o – come sono soliti dire soprattutto i neuro scienziati, i sacerdoti di questo nuovo culto – addirittura un’illusione.