Articoli e contenuti
Leggi in sequenza tutti i nostri articoli
Clicca qui
Pubblicazioni e corsi
Visita il nostro negozio online, con Pubblicazioni, Video e Audio corsi
Clicca qui
Contatti
Invia un messaggio, una domanda, o richiedi una consulenza online
Clicca qui
Privacy and Policy
Informazioni per la privacy & policy
Clicca qui
Forum
Accedi al nostro forum per esporre le tue domande e punti di vista
Clicca qui
Sondaggi
Rispondete ad alcuni brevi sondaggi per aiutarci a comprendere meglio le vostre esigenze formative
Clicca qui
Consigliati per Voi
Alcune risorse, libri, video e altro ancora che vi consigliamo di leggere e guardare per approfondire alcune tematiche
Clicca qui
Precedente
Successivo

Condividi su

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram

La formula del successo secondo Viktor Frankl

 

       La formula della vita secondo Viktor Frankl: elegante, semplice ed efficace

 

Viktor Frankl è il fondatore della Logoterapia.

Non è una scienza astratta, partorita da una mente brillante, ma è il risultato di un test estremo, sotto ogni punto di vista, superato da Frankl, sopravvissuto a ben quattro lager nazisti.

Attraverso questo inferno, lo psichiatra viennese ha guadagnato un punto di vista superiore sulla realtà, in grado, cioè, di trascenderla senza sublimarla. La leva per sollevare il mondo da tutti i suoi orrori, rendendolo, in ogni frangente, un laboratorio di esperienza e di crescita personale ha un nome: significato.

Senza un significato da realizzare e vivere, la vita non sta in piedi, non regge l’urto drammatico e imprevisto degli eventi. Per vivere autenticamente da uomini, è dunque necessario un significato da incorporare in ogni azione, comportamento e pensiero.

Il significato è anche la leva del successo. Perché, per giungere alla meta finale, l’obiettivo che vogliamo raggiungere, occorre avere una bussola morale e personale. Occorre avere un orientamento. Come spiega il filosofo tedesco Kant: è necessario imparare ad orientarsi nel mondo. Senza bussola, il mondo è puro caos, un intersecarsi di rette e orizzonti, non ha significato.

A ciò aggiungiamo anche la lezione della PNL: la mappa non è il territorio. Di conseguenza, se vuoi imparare a leggere la “mappa” della tua vita, per attraversare quel pezzo di territorio che hai indicato sulla tua mappa, devi avere una bussola: un significato per il quale ti giochi tutto.

La formula della vita di Frankl è tanto semplice ed elegante, dal punto di vista linguistico e logico, quanto efficace:

Frankl delinea il percorso della vita dell’uomo in questi termini:

disperazione = sofferenza – significato

Quando non ho un significato che segna il mio percorso e che lo orienta, alimentando la mia energia psicofisica e spirituale, io inevitabilmente cado nella disperazione.

Un esempio può chiarire il punto.

Se io perdo il lavoro, divento un disperato solo se mi identifico col lavoro che ho perso. Perché, non avendo un significato che mi fa stare in piedi, qualcosa che trascenda la mia funzione di “lavoratore” e di “addetto” ad un certo servizio – top manager o operaio, poco cambia -, il mio mondo è finito. Quella sofferenza non è investita da un significato più grande.

Come nel caso di un problema: riesco a risolverlo solo ad un livello più elevato di coscienza, al quale deve anche accompagnarsi un livello più elevato di competenza e di abilità specifiche. Se ci sguazzo dentro, come un uomo gettato di peso in mare, il problema diventa un assillo destinato a trasformarsi in incubo.

Devo diventare uno capace di trascendere quel problema: il significato è la scala che mi fa salire.

 

    La formula del successo di Viktor Frankl: elegante, semplice ed efficace

 

Quindi, come si giunge alla formula ultima del successo di Frankl?

Con una mossa semplice:

successo = significato + performance 

In altri termini:

successo = significato + eccellenza

E l’eccellenza non è la perfezione, anzi, al contrario, è una realtà riducibile a questa formula:

eccellenza = azione efficace + feedback/apprendimento/revisione

A questo punto, lo psichiatra viennese, sopravvissuto a quattro lager nazisti, e il più creativo e ricco trader del nostro tempo, Ray Dalio, si incontrano.

Perché, per Dalio, questa è la formula del progresso/successo nella vita.

pain + reflection = progress

dolore + riflessione = progresso

Il mondo della crescita personale, secondo PP (Praticamente Pensando), è costituito dal pensiero integrativo (et-et), non oppositivo (aut-aut). Una scelta di campo tanto netta quanto efficace.

 

Lascia un commento

Contatti

Raffaele Iannuzzi, autore
raffaele-iannuzzi@praticamente-pensando.it

Marco Del Fa
marco-admin@praticamente-pensando.it

Praticamente Pensando