Praticamente Pensando - Filosofia in azione

Il pensiero è la prima leva strategica della vita. Noi la chiamiamo “filosofia”. E tu puoi prenderla così: è la strategia che ti insegna a pensare, ti aiuta ad agire e a disegnare la vita che desideri. 

Condividi su

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram

L’autodidatta sistematico, il vincente del XXI° sec.

Autodidatta, se ci sei, batti un colpo

L’autodidatta non ha autostima. Ecco il suo problema, il vero tallone d’Achille.

Si avvicina a te, sussurrando a testa bassa: “Sono un…autodidatta”. Come dire: sono uno fuori del “sistema”, un perdente, un rottame che pretende di imparare, senza avere mai sfiorato col suo posteriori una comoda postazione in una qualunque aula universitaria.

La mia risposta a queste tremule voci è sempre la stessa: “E allora? Meglio, no?”.

Per loro, gli autodidatti, vale quel “no”, senza il punto interrogativo: NO, certo che NON è meglio. Noi non abbiamo un’istruzione regolare, una laurea, un diploma, un corso di studi che, alla fine, produca una luminosa etichetta sulla vita: “Dottore”Dottoressa”.

Cosa abbiano fatto le famiglie per questo titolo in calce su un pezzo di carta solo Dio lo sa. ancora oggi ci sono legioni di profili Facebook ripieni di foto con figli e figlie laureati/e, belli/e di papà e mammà, salvo sottolineare un piccolo dettaglio: quel pezzo di carta, detto senza peli sulla lingua, serve più al gabinetto che nella società.

Dopo la megafesta di laurea, la triste realtà. E’ diventato un genere letterario, ma la gente continua ad alimentare, magari con le migliori intenzioni, questa retorica anacronistica.

Una retorica che niente ha a che vedere con la verità delle cose.

Jim Rohn, grande formatore americano e mentore di Tony Robbins, ha sempre sostenuto che “un’istruzione regolare può crearti una carriera, ma un’auto-educazione ti condurrà a realizzare una fortuna”.

Formal education will make you a living; self-education will make you a fortune. Jim Rohn

Quindi, l’autodidatta consapevole e sistematico è il nuovo eroe di questo tempo.

 

Il viaggio dell’eroe dell’autodidatta

Il Web è il mondo che contiene il suo eroismo straripante: dappertutto, una miriade di corsi, strumenti di formazione, blog, articoli, pdf, siti sui quali scaricare libri, newsletter che ti regalano ogni bendidio per auto-formarti. Unica variabile da considerare: l’auto-didatta è un soggetto auto-nomo.

Dunque, non dipende dai condizionamenti esterni, se ne frega delle norme sociali, del bon ton pseudoculturale, studia ciò che gli serve, prova, testa, elabora, crea, tira su un blog, poi lo butta giù dopo sei mesi e crea un sito, impara a vende i suoi infoprodotti, ossia la sua immagine del mondo, etc.

Tutto questo ha un nome preciso: libertà. E accanto alla libertà c’è un partner che vuole il suo spazio: rischio. Il rischio della libertà: ecco il sottotitolo della vita di un uomo libero e autodidatta consapevole e sistematico.

La libertà del rischio ha un prezzo, con un nome bandito da tutti gli istituti scolastici, università, associazioni, comunità, famiglie: SACRIFICIO.

Tradotto: farsi il mazzo.

La mia presentazione, di fronte agli studenti ed alle famiglie, mentre mi accingevo a diventare professore di storia e filosofia in un istituto dedicato al recupero degli anni scolastici, può essere sintetizzata con un aggettivo e un sostantivo: “sacro mazzo”. Ironia e scandalo degli astanti. Chi ha seguito questa strada, ce l’ha fatta, chi ha seguito la chimera delle scorciatoie si è ritrovato con un pungo di mosche in mano. Fine della storia.

Tutto qua.

Non ci sono scorciatoie, nella vita. l.’autodidatta lo sa e chi ha studiato in un sistema che ha appiccicato una targhetta sulla sua porta, pensando di sollevarlo dalla battaglia della vita, spesso non lo sa. Tornerò su questo tema.

 

O reinventarsi o morire, fai la tua scelta

La reinvenzione è più necessaria che mai, oggi, è il pane degli autodidatti, con una laurea o senza.

Non c’entra niente la necessità, la reinvenzione è la cornice complessiva di questo tempo, la chance di regalare ai tuoi anni quella pienezza di vita, perché gli anni sono vita quando dentro ci metti vita.

Chi capisce subito, qui e ora, la grandezza eroica e strategica di reinventarsi ha un vantaggio competitivo rispetto al resto del mondo a dir poco incalcolabile: anticipare i passi della storia significa diventare protagonista della storia.

La nostra proposta di un percorso per la reinvenzione personale/professionale “chiavi in mano” rappresenta proprio questo: una chance enorme di acquisire un vantaggio competitivo sui prossimi trend che faranno emergere una nuova selezione delle classi dirigenti proprio in relazione alla capacità di ripensare paradigmi, concetti e pratiche.

Per cominciare, iscriviti alla nostra newsletter e al nostro canale Youtube, già con questi materiali puoi iniziare a percorrere un significativo tratto di strada.

Commenta questo articolo e scrivimi, se hai domande, dubbi, critiche, sempre benvenuti.

Per finire, una domanda.

Qual è la “porta stretta” per realizzare questo cammino, che porta INEVITABILMENTE al successo?

Ecco un assaggio in video. Buona e fruttuosa visione.

Condividi i nostri contenuti su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su tumblr
Tumblr
Condividi su skype
Skype
Praticamente Pensando