Praticamente Pensando - Filosofia in azione
Le strategie filosofiche che ti insegnano a pensare,
agire e a disegnare la vita che desideri

Condividi su

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su telegram

Tu sei nato/a per avere un grande futuro, alleati con il passato, abbandona il “presentismo”

Sul nostro sito potete trovare e scorrere con grande facilità una mappa storica del pensiero umano, filosofico e non solo: la “mappa storica del pensiero filosofico e dello sviluppo del potenziale umano”.

Siamo gli unici in Italia a sviluppare una metodologia di sviluppo del potenziale umano, fondata sulla filosofia orientata all’azione.

La ragione dell’uomo si orienta al bene, al suo bene ed al bene degli altri, a cominciare da chi gli è prossimo, la famiglia, la comunità, la società. Questa ricerca è tanto concreta quanto inesauribile, ma una vita senza ricerca non è degna di essere vissuta, parola di Socrate (ed Einstein: https://www.praticamente-pensando.it/2018/10/05/francesco-dassisi-e-il-modeling-storico/) .

Senza questo hardware non esiste software tecnico, logico, algoritmico che possa servire all’uomo. Noi siamo esseri desideranti e alla ricerca del bene, perfino quando le nostre azioni contraddicono ciò.

La Programmazione Neurolinguistica ha stabilito correttamente che dietro ogni azione ci sia un’intenzione da valutare.

Ecco, il mondo è quell’immenso spazio riempito dalle intenzioni, dalle azioni e dai desideri degli uomini. Oggi come nel passato.

La chiave di lettura di oggi è il presente, lo schiacciamento sul presente. Il “presentismo”, secondo alcuni sociologi.

Ma il presente senza memoria del passato e orientamento attivo verso il mondo futuro (copiare nel corsivo il seguente link: https://www.praticamente-pensando.it/2018/04/18/in-principio-era-lazione-anzi-e-lazione/) è una gabbia che rischia di soffocare l’uomo.

Non solo. Il presente come unica condizione di vita aumenta esponenzialmente il rancore, perché ciò che non riesco ad ottenere oggi, qui e ora, è causa di frustrazione assoluta. Visto che c’è solo l’oggi, ciò che oggi mi sfugge e non padroneggio è la fine di tutto.

Gli esempi di questo atteggiamento mentale si sprecano. Tutto si gioca qui e ora, come se non esistesse la storia, il passato e, quindi, il futuro da costruire sulla base delle grandi esperienze e degli insegnamenti di chi ci ha preceduto.

La nostra sfida, invece, è proprio giocata su questo terreno: la conoscenza storica, la memoria viva e carica di consapevolezza di ciò che ci ha preceduto è il primo passo per orientare attivamente e creativamente la nostra intelligenza pratica. La storia non è solo maestra di vita, ma è anche un immenso laboratorio di pratiche, saperi, linguaggi, informazioni e strategie da conoscere, studiare ed applicare (https://www.praticamente-pensando.it/2018/10/05/francesco-dassisi-e-il-modeling-storico/).

Da questo immenso laboratorio è giunto fino a noi anche Internet (https://www.praticamente-pensando.it/2018/06/20/internet-ha-radici-antiche-ecco-perche-e-sempre-nuovo/).

La crisi del nostro tempo non è innanzitutto economica, ma è soprattutto la ricaduta pesante di questo “presentismo”. Esso impedisce di avere una visione strategica di lungo periodo, allenandosi, di conseguenza, ad essere di più di ciò che siamo oggi, in vista di un futuro migliore. Un passo dietro l’altro, come in tempi difficili i nostri antichi padri hanno fatto. Questi padri possono oggi diventare i nostri maestri.

Condividi i nostri contenuti su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su tumblr
Tumblr
Condividi su skype
Skype
Praticamente Pensando